Categorie: AfricaInfo

Antananarivo, tre luoghi della capitale del Madagascar da non perdere

Antananarivo è la capitale del Madagascar, l’enorme isola al largo della costa dell’Africa meridionale che non finisce mai di stupire per i suoi paesaggi autentici, la fauna endemica e la flora rigogliosa.

Adagiata sul fianco di una lunga e stretta cresta rocciosa, è la città più grande è popolata della nazione. Si trova a circa 1.400 metri sopra il livello del mare, domina su una pianura molto fertile e dista circa 215 km (in linea d’aria) dal più importante porto del Madagascar, Toamasina. Nonostante si trovi ai tropici, Antananarivo ha un clima temperato: di giorno le temperature sono normalmente comprese tra i 17 e i 26 gradi (la massima raramente supera i 33 gradi) mentre le minime notturne possono scendere fino a 5 gradi.

Le attrazioni e le cose da vedere ad Antananarivo sono diverse. In questo articolo ve ne segnaliamo tre: il Palazzo della Regina, il Parco zoologico e botanico di Tsimbazaza e l’Analakely Market.

Il Palazzo della Regina, o Rova di Antananarivo, è il complesso di edifici reali in stile vagamente barocco che fungevano da residenza dei sovrani durante il regno Merina (dal XVII al XVIII secolo) e nel regno del Madagascar del XIX secolo. Situato nelle vicinanze del quartiere Haute Ville, in cima alla più alta collina della città, è circondato da case in legno, tombe reali e alberi di Jacaranda. Il 6 novembre 1995, purtroppo, fu incendiato e moltissimi oggetti che vi erano contenuti andarono persi (ciò che si salvò fu trasferito nel vicino palazzo di Andafiavaratra).

Rova di Antananarivo

Come detto all’inizio, la fauna e la flora sono i veri tesori del Madagascar. Per questo motivo vi consigliamo caldamente di fare una visita al Parco zoologico e botanico di Tsimbazaza, piccolo quartiere non lontano dallo stadio di Mahamasina sede delle più importati competizioni sportive del Madagascar. La visita, ad un prezzo contenuto, permette di ammirare varie specie di straordinari animali tra cui lemuri, camaleonti e variopinti uccelli ma anche coccodrilli e struzzi. E’ un’esperienza da non perdere a patto che si chiuda un occhio sulle fatiscenti gabbie che “ospitano” gli animali.

Lemuri del Parco di Tsimbazaza

L’Analakely Market è invece una meta da non perdere se si desidera immergersi nella vita quotidiana della città. Qui si trova di tutto: cibo, capi di abbigliamento, utensili e prodotti per la casa. Tutto a prezzi molto contenuti. Ovviamente non mancano gli oggetti di artigianato e i souvenir ma fate molta attenzione quando vi aggirate tra le strade e camminate tra la folla: i borseggiatori sono tanti e molto abili!

Analakely Market

Se volete saperne di più su Antananarivo date un’occhiata a questi link:

Condividi

Articoli recenti

Desert tour verso Uluru (Ayers Rock), il racconto di fran81cesco

Quello che segue è l'emozionante racconto del nostro utente fran81cesco dell'avventuroso desert tour realizzato nel…

22 Marzo 2020

Islanda 2007 by Ram, sulle tracce di Saknussem

...Si precipitò sul foglio di carta e con occhi scintillanti e voce commossa lesse interamente…

16 Febbraio 2020

Bucarest e Sibiu, racconto e consigli del mio viaggio in Romania

Approfittando del fatto che mio fratello vive e lavora in Romania ho organizzato le mie…

1 Febbraio 2020

Băile Felix (Romania), una piacevole sorpresa

Sarà per il tipo di vacanza (una settimana alle terme a fine novembre), sarà per…

4 Gennaio 2020

Australia, viaggio di nozze in mezzo alla natura (racconto e considerazioni)

Era la prima volta che affrontavamo un viaggio così lungo, era la prima volta che…

19 Settembre 2019

Scozia 2006: quelli tra Highlands e realtà (racconto di viaggio)

Questo è il racconto del viaggio in Scozia realizzato nel 2006 dal nostro lettore RAM.…

11 Agosto 2019

Questo sito utilizza i cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Più info...