Viaggiare in aereo: qualche consiglio utile

0

L’aereo è ormai un mezzo di trasporto diffusissimo, l’unico in grado di abbattere veramente le barriere geografiche. Viaggiare in aereo è come stare su un autobus, ma ci sono delle cose importanti da sapere: se solitamente soffrite di mal d’aria, prima dell’imbarco evitate di bere tè, caffè o bevande gassate. I primi due creano acidità, mentre il gas potrebbe dare problemi di gonfiore una volta in quota.

Arrivati all’imbarco, tenete a portata di mano carta di imbarco e documenti, e mi raccomando, non spingete per salire in aereo! Tanto il volo parte solo quando sono saliti tutti i passeggeri! Fate attenzione alle dimensioni del bagaglio a mano e al suo contenuto. Il personale addetto ai controlli e quello di volo sono spesso inflessibili al riguardo. I portatori di pace-maker possono evitare il controllo del metal-detector esibendo una tessera sanitaria che certifichi la propria particolare condizione.

Una volta a bordo, raggiungete subito il vostro posto; in questo modo le procedure di imbarco saranno più spedite. Se soffrite il mal d’aria, cercate di farvi assegnare un posto in prossimità delle ali.

Spesso capita che l’aereo non abbia una buona pressurizzazione, con conseguente fastidio alle orecchie. Questo disturbo riesce a essere a volte molto doloroso, ma potete porvi rimedio con alcuni semplici accorgimenti: deglutire con energia, masticare un chewing-gum e specialmente durante la fase di discesa, soffiare molto delicatamente dalle narici dopo aver tappato il naso con le dita (manovra di Toynbee). Durante le lunghe traversate, fate in modo di indossare indumenti comodi e soprattutto calzature morbide che non ostacolino la circolazione periferica delle gambe.

Per non incorrere nei fastidiosi sintomi dell’Insufficienza Venosa Cronica (IVC), ovvero gonfiori alle gambe e al piede, cercate di fare delle brevi camminate lungo i corridoi dell’aereo a intervalli di massimo due ore. Qualora il comandante del volo abbia disposto di restare seduti con le cinture allacciate, eseguite movimenti rotatori coi piedi, in modo da facilitare la circolazione; inoltre (se ciò non rappresenta un rischio di attacco chimico-batteriologico!), potete anche togliere le scarpe.

Un ultimo consiglio ai portatori di lenti a contatto: l’aria condizionata e fortemente deumidificata dell’aereo potrebbe favorire la disidratazione della lente, con conseguente irritazione dell’occhio. Fareste pertanto bene a non indossarle durante il volo, e se proprio non potete farne a meno, portate con voi dei colliri umettanti e lubrificanti reperibili in qualsiasi farmacia o negozio di ottica.

Condividi.